Cermeg

Si svolgerà a Trento il prossimo 23 marzo, presso l'aula 1 della Facoltà di Giurisprudenza di Trento, una Tavola rotonda su "L'Avvocato e la difesa dei diritti umani" (con inizio alle ore 15:00). Dopo gli indirizzi di saluto di Luca Nogler (Preside della Facoltà di Giurisprudenza) e Patrizia Corona (Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Trento), sono previsti gli interventi di Giandomenico Falcon (Professore ordinario di Diritto Amministrativo nell'Università di Trento), Vincenzo Ferrari (già Professore ordinario di Sociologia del Diritto nell'Università di Milano), Emanuele Fragasso jr. (Assistente ordinario di Diritto Processuale Penale nell'Università di Padova), Fabio Macioce (Professore associato di Filosofia del Diritto nell'Università LUMSA di Palermo). Alarico Mariani Marini (Avvocato in Perugia, Vice Presidente della Scuola Superiore dell'Avvocatura, Fondazione del CNF) concluderà l'incontro con una relazione di sintesi.

Il Convegno, che fa seguito a quello del 2011, rappresenta il secondo appuntamento degli incontri dedicati al tema dell'etica e del metodo della professione forense, e intende contribuire alla riflessione sui nuovi scenari della professione forense aperti dai trattati europei. Il Trattato di Lisbona pone infatti l'avvocatura dinanzi a nuove e precise responsabilità, ben oltre la semplice revisione dei codici deontologici: l'evoluzione, lenta ma costante, del sistema dei diritti umani e fondamentali (anche in virtù della giurisprudenza delle Corti Europee, ormai riconosciuta fonte del diritto) richiede oggi all'avvocato un forte impegno, anche di natura culturale, che implica un generale ripensamento dell'identità della professione legale nella società contemporanea.

L'incontro, organizzato dal Cermeg (Centro di Ricerche sulla Metodologia Giuridica) e dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Trento, in collaborazione con le Casse Rurali Trentine, ha ottenuto il patrocinio del Consiglio Nazionale Forense e della Scuola Superiore dell'Avvocatura, insieme a quello dell'Ordine degli Avvocati di Trento e dell'Ordine degli Avvocati di Bolzano.

Particolarmente rilevanti le parole dell'Avv. Prof. Guido Alpa, Presidente del CNF, che nel comunicare con lettera la decisione del Consiglio Nazionale Forense di concedere il patrocinio e l'utilizzo del logo, ha dichiarato: "Questo Consiglio ritiene che l'iniziativa sia meritevole non solo per la rilevanza della materia trattata e per l'elevato suo livello qualitativo, ma soprattutto perché rappresenta un'occasione assai qualificata per rafforzare la sensibilità formativa degli iscritti verso la cultura dei diritti umani in una prospettiva deontologica ed etica dell'avvocato".

La partecipazione all'evento è gratuita ed è valida per l'attribuzione di n. 4 crediti formativi ai fini dell'aggiornamento permanente obbligatorio nell'area disciplinare della deontologia.

Per gli iscritti all'albo degli Avvocati di Trento, l'iscrizione è obbligatoria online mediante il Sistema Riconosco (http://www.ordineavvocatitrento.it/) sino ad esaurimento dei posti disponibili. Per gli iscritti ad altri Ordini, l'iscrizione può avvenire secondo le modalità indicate sul sito di DSG (http://www.unitn.it/dsg/evento/21167/lavvocato-e-la-difesa-dei-diritti-umani).

Nel corso della Tavola rotonda verrà presentata la nuova rivista della Scuola Superiore dell'Avvocatura «Cultura e diritti. Per una formazione giuridica».

In allegato la locandina in formato .pdf.

Questo articolo è stato creato il Lunedì 19 Marzo 2012 alle ore 11:36 am ed è archiviato nella categoria Archivio 2012, Formazione, Convegni e seminari, Generale. Attraverso Feed RSS 2.0 è possibile monitorare questo articolo. Both comments and pings are currently closed.