Cermeg

Nel Numero 4 del 2010 della Rivista Diritto e Formazione del CNF e della Scuola Superiore dell'Avvocatura, è uscito un lungo articolo a firma dell'avv. Paolo Doria dedicato ai problemi della formazione forense e della metodologia giuridica. L'Autore individua la causa remota della mancata attenzione alle questioni formative nell'attitudine culturale normocentrica, caratteristica del positivismo giuridico legalista di matrice illuministica; a questa egli oppone la necessità di costruire una didattica ispirata alla tradizione classica della retorica. Doria indica esplicitamente nella scuola patavina di filosofia del diritto (p. 661) e nel CERMEG (pp. 663 e 670), assieme alle iniziative del CNF quali la Scuola Superiore dell'Avvocatura, le "istituzioni meritorie" che nel panorama nazionale hanno saputo avviare un'inversione di tendenza. Egli riporta poi una serie di esperienze, raccolte nell'ambito di alcune scuole forensi del Nord-Est quali Vicenza, Bassano del Grappa e Pordenone, nelle quali l'attenzione al metodo casistico e alla dimensione culturale dell'avvocatura hanno costituito il nerbo della formazione dei praticanti ed aspiranti avvocati, individuandone dettagliatamente le potenzialità espresse per un'azione futura di maggior ampiezza.

L'articolo dell'avv. Doria, scansionato da DF, è allegato in PDF per i visitatori del sito.

Allegati:


Questo articolo è stato creato il Martedì 26 Ottobre 2010 alle ore 11:59 am ed è archiviato nella categoria Hanno detto di noi. Attraverso Feed RSS 2.0 è possibile monitorare questo articolo. Both comments and pings are currently closed.