Cermeg

PROGRAMMA DI RICERCA DI RILEVANTE INTERESSE NAZIONALE (PRIN) CO-FINANZIATO DAL MIUR NELL'ANNO 2006; RENDICONTO DELL'ATTIVITÀ DI RICERCA DELL'UNITÀ DI TRENTO

 Di seguito pubblichiamo il consuntivo del progetto di ricerca Prin 2006 (biennale) presentato al Ministero competente. Il progetto coordinava Unità di ricerca di diverse sedi universitarie (Padova, Trento, Verona, Catania). Qui riportiamo i risultati realizzati dall'Unità di Trento (proff. M.Manzin, P.Sommaggio, G.Ferrari, D. Patterson, avv.ti P. Moro, F. Puppo, A. Pontalti, F. Brangian).

Descrizione della Ricerca eseguita e dei risultati ottenuti

La descrizione iniziale del progetto (modello B) indicava due direttrici principali per la ricerca:
1.1. studio sull'ordine del discorso giudiziale (inteso come organizzazione logica dei suoi elementi costitutivi: descrittivi, probatorii, persuasivi).
1.2. studio analitico e applicativo della retorica spc. nel processo civile e nel cd. "processo telematico".
Il primo punto è stato sviluppato in modo continuativo lungo l'intero periodo della ricerca e in stretta sinergia con le altre Unità: esso ha impegnato in modo prevalente le forze dell'Unità locale. Il secondo punto è stato approfondito con azioni specifiche di natura editoriale e convegnistica. Ma soprattutto, in entrambi i casi, si sono mostrate promettenti le ricadute nel campo della tecnica di formazione all'esercizio della professione forense, alle quali l'Unità si è pertanto intensamente dedicata con azioni diverse.
L'approfondimento del punto 1.1. ha condotto, in via principale, all'elaborazione di due monografie: Manzin (2008) e Sommaggio (2008), nelle quali l'ordine del disorso giudiziale è stato descritto, nel primo caso, procedendo dallo studio delle sue fonti storico-filosofiche e dei suoi presupposti teorici; nel secondo caso, focalizzando l'attenzione sull'ordine proprio del contraddittorio nel processo, con riguardo al giudizio civile e nel quadro della normativa vigente, della giurisprudenza e della dottrina. Sia i temi di approfondimento che le competenze sono conformi a quanto sin dall'inizio stabilito nel progetto (modello B). A questo si aggiunga il completamento dell'edizione italiana di D.Patterson, "Law and Truth", Cambridge U.P. 1996 (trad. e c. di M. Manzin): opera di jurisprudence angloamericana sul tema del ragionamento giuridico (legal reasoning), che sarà pubblicata per Giuffrè in corso 2009 con fondi già impegnati del progetto.
Parallelamente, il lavoro di catalogazione informatica (con creazione di apposito database online) e la successiva analisi dettagliata effettuata da Puppo su materiale giurisprudenziale dei magistrati onorari del Distretti di Corte d'Appello di Trento e Bolzano (prevalentemente in materia civile) ha costituito la base sperimentale per il controllo logico delle decisioni giudiziali (v. in prop. la relazione annuale 2007 al progetto, sub voce: Illustrazione dell'attività svolta). Gli esiti di tale verifica sono stati discussi in convegni e seminari (infra sub voce: Attività di divulgazione e Dati complessivi relativi al programma, passim) e hanno costituito la base per talune pubblicazioni dei partecipanti alla ricerca (sub voce: Pubblicazioni). Essi hanno consentito l'approfondimento del punto 1.2. del progetto (natura e applicabilità della retorica forense: si eccettua il cd. processo telematico, affrontato con studi specifici: v. infra nella voce).
Lo stesso punto 1.2. è stato affrontato mediante il confronto critico con gli studiosi della dottrina, i teorici del diritto di diverse scuole d'appartenenza, i magistrati e i rappresentanti dell'avvocatura. Occasioni principali e solenni per tale confronto sono stati innanzitutto i due convegni nazionali "Giornate Tridentine di Retorica" (GTR) del 2007 e 2008: il primo dedicato espressamente al problema dell'ordine del discorso giudiziale nei suoi elementi logico-linguistici; il secondo al contraddittorio nel ‘giusto processo' ex-art.111 Cost. (gli atti di entrambi i convegni sono stati pubblicati nel vol. 3 della collana "Acta Methodologica" per Giuffrè a c. di Manzin-Puppo: v. infra). I risultati finali della ricerca saranno presentati in occasione del convegno nazionale GTR 2009 (spesa già impegnata). A ciò si aggiunga che il resumé del primo anno di ricerca è stato presentato da Puppo al Convegno Mondiale di Filosofia del Diritto (IVR 2007, Cracow: il contributo è in attesa di pubblicazione in Proceedings, 2009).
Fanno fede della ricerca prodotta sui punti 1.1. e 1.2. le pubblicazioni di Manzin, Moro, Puppo, Sommaggio, Patterson, Pontalti (indicate dettagliatamente sub voce: Pubblicazioni) e le numerose iniziative convegnistiche e seminariali. Fra tutte (v. sub voce: Dati complessivi e infra Attività di divulgazione), oltre alle citate GTR, si segnalano qui per l'ampio concorso di studiosi e professionisti e per l'incidenza dei temi discussi: il seminario multidisciplinare sul principio di non-contraddizione realizzato a Trento; i tre convegni, uno dei quali di livello internazionale, ospitati a Trieste dal Master in Analisi e Gestione della Comunicazione/Modulo di Comunicazione Giuridica; gli interventi su "Deontologia e retorica" al Corso di Formazione specialistica dell'U.C.P.I. in collaborazione con la Scuola Superiore dell'Avvocatura, Fondazione del C.N.F (Roma); il seminario su "Retorica e difesa giudiziale" organizzato dall'Ordine degli Avvocati di Verona; la conferenza su "La retorica e la ricerca della verità nel processo" (Catania); il convegno su "La metodologia forense" di Belluno.
La parte del punto 1.2. del progetto dedicata al cd. processo telematico è stata oggetto di analisi in conferenze e seminari, nonché in talune pubblicazioni segnalate alla relativa voce (i risultati di questo settore della ricerca sono stati presentati al convegno "Informatica e professione forense" svoltosi a Trento il 5 marzo 2009 - finanziato su fondi diversi). Gli spunti emersi al riguardo nel corso della ricerca sono divenuti oggetto, a Trento, di due tesi di laurea ed hanno suggerito sin dal 2007 l'attivazione di un corso istituzionale di Informatica Giuridica (Manzin e Puppo, 6 crediti).
Come inizialmente previsto (cfr. punto 3.2.4. della descrizione nel Modello B: "Formazione e sperimentazione"), l'elaborazione del modello di ordine discorsivo retorico ha fornito la base per lo sviluppo di un Modulo Autonomo di Didattica della Metodologia Giuridica sperimentato presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Pordenone e successivamente esteso alle scuole di Trento, Belluno, Bolzano e alla Scuola per le professioni legali dell'Università di Parma (tutte queste scuole sono ora organizzate didatticamente secondo il modello retorico-forense). Le linee pratiche di applicazione del modulo sono state oggetto di una prima pubblicazione ("Scrittura forense", c. di P. Moro, 2008), che è anche il vol. 1 della nuova Collana "Metodologia Forense" appositamente realizzata per UTET-Giuridica nel contesto del progetto. Molte altre iniziative: conferenze, seminari, lezioni ai corsi di formazione e aggiornamento professionali, lezioni a master (Trieste), lezioni a Scuole di Dottorato, hanno visto come relatori principali e/o co-organizzatori i membri dell'Unità sui temi del progetto. Il numero complessivo risulta indicato nella voce Dati complessivi (cit.). Attraverso di esse, mediante il confronto coi giuristi pratici, è stato possibile verificare costantemente il profilo di applicabilità dei risultati conseguiti in sede teorica.
L'approfondimento del nesso retorica forense-deontologia, emerso nel corso del convegno GTR 2007, ha suggerito studi ulteriori (v. in Pubblicazioni e Dati complessivi) che costituranno la base di futuri e mirati progetti di ricerca. Essi hanno ispirato l'organizzazione del convegno "La forza dell'esempio. L'eroismo normale di Fulvio Croce, avvocato in Torino" (dicembre 2007) e l'istituzione di un corso di Deontologia e retorica forense (Sommaggio: 6 crediti) attivato a Trento - primo caso in Italia.
Per l'esecuzione di tutte le iniziative editoriali, convegnistiche, seminariali e di formazione, l'Unità si è avvalsa del Centro di Ricerche sulla Metodologia Giuridica (CERMEG) e - per la loro pubblica notizia - del suo sito (www.cermeg.it), creati con precedente progetto Cofin-Prin 2004 (come stabilito al punto 3.2.3. della descrizione nel Modello B).
Si ricorda che, nella stesura iniziale del progetto, erano previste: "alla fine del secondo anno, almeno due pubblicazioni principali (monografia o miscellanea), due articoli o saggi brevi, due convegni nazionale e sei seminarii" (cfr. Mod. B). Come si potrà vedere alle voci Pubblicazioni e Dati complessivi di questo Consuntivo, i traguardi indicati sono stati tutti raggiunti e, in alcuni casi, superati.

Analisi SWOT (strenghts, weaknesses, opportunities, threats)

1. Punti di forza. L'Unità ha realizzato uno studio sulle forme del ragionamento processuale e sulla retorica giudiziale fortemente radicato in precedenti progetti e risultati (fra i quali spc. il CERMEG, il suo sito Internet, le sue Collane editoriali, la sua presenza sul territorio nell'ambito accademico e della formazione legale). Tale studio è corposamente rappresentato nelle pubblicazioni prodotte in ambito nazionale e, in qualche caso, internazionale; nonché nelle numerose iniziative congressuali cui l'Unità ha partecipato o che ha organizzato in proprio. Questo radicamento costituisce un asset importante del progetto, che risulta potenziato in quanto inclusivo di tutti gli obiettivi già acquisiti nel passato. Un esempio: la nuova collana "Metodologia Forense" (UTET), destinata alle tecniche di formazione legale, che va ad aggiungersi a quella già costituita in precedente progetto ("Acta Methodologica", Giuffrè), destinata alle analisi teoriche. Altro punto di forza è l'avanzato processo applicativo del modello di ragionamento retorico, divenuto criterio di riferimento per l'organizzazione della didattica forense (scuole di Pordenone, Trento, Belluno, Bolzano, Parma; master di Trieste). Altro punto di forza, ancora, è l'osmosi realizzata tra i livelli research-teaching, attestato nei corsi under- e post-graduate con tesi di ricerca, seminari agli studenti/dottorandi/perfezionandi, istituzione di programmi e corsi ad hoc. In sostanza, il progetto ha conseguito una forte coesione intorno ai temi della ricerca fra i soggetti della formazione, della ricerca teorica (multidisciplinare: filosofi del diritto, giuristi sostanziali e processuali), della professione forense.

2. Punti di debolezza. Il personale impiegato nel progetto, il quale ha maturato competenze ed esperienza sul campo, è in numero esiguo per far fronte a tutte le opportunità insite nella ricerca. Se esso risultava adeguato rispetto agli scopi circoscritti di questo progetto nella sua fase iniziale ed intermedia, nella fase finale ha generato carichi eccessivi per scadenze ed impegni. La mancanza, poi, di figura professionale esperta nelle tecniche di programmazione, ha impedito alcuni possibili sviluppi nel campo informatico.

3. Opportunità. Le prime derivano dal radicamento e dalla coesione indicati in Strenghts: la linea di ricerca sviluppata si presta ad essere base di approfondimenti futuri promettenti (es. nel campo della deontologia forense e dell'informatica giuridica). Altre derivano dai contatti consolidati con colleghi dello stesso SSD e di altri settori dell'area giuridica; con colleghi stranieri interessati ai temi dell'argomentazioni e coinvolti nel progetto (Patterson, van Eemeren, Walton); con autorevoli rappresentanti delle professioni legali e della formazione ed aggiornamento. Altre ancora deriveranno dall'eventuale potenziamento dei prodotti ora consolidati (attività CERMEG, sito web, collane editoriali, formazione).

4. Rischi. La forte domanda nel campo della formazione forense, dimostratasi particolarmente interessata all'apprendimento delle forme di ragionamento retorico, potrebbe spingere a una contrazione della ricerca per esiguità delle forze a disposizione (v. Weaknesses). Il rischio potrebbe essere limitato elaborando strumenti di meta-didattica (es. e-learning, focus groups) per il training dei formatori.

Attività di divulgazione e applicazione dei risultati in itinere della ricerca

Di seguito indichiamo alcune fra le più significative iniziative di cui i diversi membri dell'Unità si sono fatti promotori e/o a cui hanno preso parte, allo scopo di esemplificare l'andamento della ricerca sopra descritto per le generali (rimandando per un quadro sinottico al successivo p.to Dati complessivi del programma):

A. Attività organizzate dai membri dell'unità di ricerca (convegni, seminari)
- "Deontologia e Retorica forense", Giornate Tridentine di Retorica 8-GTR8, Trento 12/13/14.06.2008
-"‘Audiatur et altera pars'. Il contraddittorio come metodo del ragionamento processuale", Giornate Tridentine di Retorica 7-GTR7, Trento 14/15/16 giugno 2007
-Giornata di Studî "La forza dell'esempio. L'eroismo normale di Fulvio Croce, avvocato in Torino", Trento, 14.12.2007;
- "Verità e menzogna", convegno di studi organizzato presso la Facoltà di Sociologia dell'Università degli Studi di Trento, 26-27.04.2007
-"‘La contradizion che nol consente'. Seminario di studio sul principio di non contraddizione", Facoltà di Giurisprudenza di Trento, ½.02.2007
-Seminario di approfondimento "Etica Informatica Diritto", Facoltà di Giurisprudenza di Padova, 15.05.2008
-"Retorica e metodologia forense. Convegno di aggiornamento professionale per avvocati e praticanti avvocati", Pordenone, 13.04.2007
- "Scrittura forense. Il metodo di stesura dell'atto difensivo", Seminario di approfondimento organizzato dall'A.I.G.A.-Trento, Trento 13.01.2009

Tra queste attività vanno ricordate, come già cennato, quelle svolte, con cadenza periodica, nell'ambito universitario della didattica e della ricerca, e nell'ambito della formazione professionale forense.
1. Con riguardo al primo settore, si ricordano i cicli di seminari organizzati presso la Facoltà di Giurisprudenza di Trento (Filosofia del Diritto "Minima Iuridica" - a.a. 2006/07; a.a. 2007/08 - resp. Manzin; Informatica Giuridica "Digital Law" - a.a. 2007/08 - resp. Manzin-Puppo) e presso la Facoltà di Giurisprudenza di Padova, sede di Treviso (Informatica Giuridica "Temi e problemi di informatica giuridica" - a.a. 2006/07; a.a. 2007/08 - resp. Moro).
2. Con riguardo al secondo settore, si ricorda che nel biennio i membri dell'Unità di Ricerca hanno organizzato e svolto i moduli didattici di Metodologia e retorica forense ed i Corsi di metodo e di alta formazione per i praticanti avvocati nell'ambito delle Scuole Forensi organizzate dai Consigli dell'Ordine degli Avvocati di Pordenone, Trento, Belluno, Bolzano (in collaborazione con il CERMEG) e della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali di Parma, per un totale di almeno novanta ore di attività all'anno.

B. Attività cui hanno partecipato i membri dell'Unità di ricerca in qualità di relatori e/o discussant
- "Giustizia penale e sistemi politici" (Trento, 29.11.2008) - relazione al Convegno "Giornate tridentine di diritto penale", organizzato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Trento e dedicato al tema "La difesa penale fra magistratura, giurisprudenza e potere politico. Ruolo effettivo o simbolo vuoto?"
- "Scrittura forense. Il metodo di stesura dell'atto difensivo" (Trieste, 30.10.2008) - Relazioni al Master di Primo Livello in Analisi e Gestione della Comunicazione sul tema "Scrittura forense. Il metodo di stesura dell'atto difensivo" Facoltà di Scienze della Formazione;
- "La comunicazione giuridica fra enti pubblici e soggetti privati. Analisi del discorso giuridico fra normazione e retorica forense nelle aree di confine fra Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Croazia" (Trieste, 17.10.2008) - Relazioni al Convegno internazionale di studi organizzato dalla Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Trieste in collaborazione con il CERMEG
- "Deontologia e retorica" (Roma, 12.10.2008) - Intervento al "IX Corso di Formazione specialistica dell'avvocato penalista" dell'U.C.P.I.
- "Retorica e difesa giudiziale. Questioni di metodologia forense" (Verona, 21.05.2008) - Relazioni al convegno organizzato dall'Ordine degli Avvocati di Verona in collaborazione con il CERMEG
-"Il principio del contraddittorio nel processo telematico" (Sesto al Reghena, 10.10.2008) - Relazione al convegno "L'avvocato digitale. Tecnologie informatiche e professione forense"
- "I linguaggi del processo. Retorica forense fra comunicazione e formazione" (Trieste, 30.05.2008) - Relazioni al Convegno organizzato dalla Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Trieste in collaborazione con il CERMEG
-"L'etica dell'avvocato" (Verona, 10.03.2008) - Relazione al convegno "La forza dell'esempio" organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Verona
-"La retorica e la ricerca della verità nel processo" (Catania, 23.09.2008) - conferenza nell'ambito del Quarto corso di Deontologia e tecnica del penalista della Camera Penale di Catania
- Interventi all'incontro di presentazione e discussione del volume F. Cavalla "Retorica Processo Verità" organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche di Parma in collaborazione con il CERMEG ed il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Parma (Parma, 8.06.2007)
- "Jurisprudence and Conceptual Analysis", IVR Conference, Krakow, Poland, August, 2007
- "Cognitivism and Legal Theory (Comments on the work of John Mikhail)", IVR Conference, Krakow, Poland, Agosto, 2007
- "Legal Methodology and Law as a Normative Practice" (2 Lectures), Università di Palermo, 7.03.2007
- "On the Conceptual and the Empirical: Matters of Sense and Matters of Truth", Brooklyn Law School, A Cross-Disciplinary Look at Scientific Truth: What's the Law to Do?, Center for the Study of Law, Language and Cognition, 2.03.2007
- "A classical view on law and information technologies" IVR Conference, Krakow, Poland, August, 2007
- "Ragionare nella pratica forense. Teoria e metodo della retorica processuale" (Cuneo, 19.04.2007) - Seminari al Corso di Dottorato di Filosofia e Sociologia del Diritto dell'Università di Torino, Sede di Cuneo
-"Logic and Vagueness in Law. From Legal Positivism to the Post-hartian Debate in Legal Theory" (Rovereto, 22.02.2007) - Intervento nel ciclo di seminarî "Language and Communication Technologies Colloquia"

C. Pubblicazioni complessive dei partecipanti all'Unità di ricerca suddivise per tipologia:
MONOGRAFIE
2008
MANZIN M., Ordo iuris, FrancoAngeli
SOMMAGGIO P., Contributo teorico giuridico allo studio del contraddittorio, Cleup
2007
PATTERSON D., Mind, Meaning and Law (Collected Essays with Introduction), Ashgate Publishing 2007
SAGGI/ARTICOLI/ATTI DI CONVEGNO
2009
PATTERSON D., After Conceptual Analysis: The Rise of Practice Theory, (in Portugese) in Interpretation in Law Editoria Saraiva
2008
MANZIN M., "La barba di Solzenicyn e la frammentazione dei diritti umani". Persona y derecho : revista de fundamentación de las instituciones juridicas y de derechos humanos, n. 58, p. 455, 472
MANZIN M., "Del contraddittorio come principio e come metodo". In: Audiatur et altera pars: il contraddittorio fra principio e regola. Manzin M., Puppo F. (eds.), Giuffré
MANZIN M., "Il cinismo giudiziario e le virtù del metodo". In Moro P. (ed), Scrittura forense, UTETpp. 1-3
PATTERSON D., AFILAO A., The New Global Trading Order, Cambridge University Press
PATTERSON D., Statecraft, Trade and Strategy: Toward a New Global Order, in The Dynamics of Trade (Sylvia M. Kierkegaard, ed.), International Association of IT Lawyers
PATTERSON D., From Conceptual Analysis to a Practice Theory of Law, in Philosophy in American Law (ed. J.Mootz), Cambridge University Press
FERRARI G., "Tre momenti nella filosofia della causalità e della regolarità", in AA.VV., Saggi in memoria di Aristide Tanzi, Giuffré pp. 97-117,
FERRARI G., "Su ciò di cui non si può parlare". In:AA.VV. Quel che la filosofia non dice…, Trento PAT
MORO P., L'etica del contraddittorio, in M. Manzin-F.Puppo (eds), Audiatur et altera pars. Il contraddittorio fra principio e regola, Giuffrè pp. 273-290
MORO P., La prospettiva retorica della scrittura forense, in P. Moro (ed), Scrittura forense, pp. 5-22
MORO P., Il giurista telematico in P. Moro (ed) Etica, informatica, diritto, FrancoAngeli, pp. 9-31
SOMMAGGIO P., Umano post umano, in «Diritto e Questioni pubbliche», n. 8
SOMMAGGIO P., Un metodo per la comprensione e la soluzione del caso, in: Moro P. (ed), Scrittura forense, UTET pp. 23-42
SOMMAGGIO P., Il contraddittorio come criterio di razionalità del processo, in: Manzin M., Puppo F. (eds), Audiatur et altera pars. Il contraddittorio tra principio e regola, Milano pp. 159-216
SOMMAGGIO P., Il problema deontologico e la professione. in «Diritto e formazione » n. 2,pp. 275-280
PUPPO F., "La ricerca degli argomenti" in P. MORO (ed), Scrittura forense, Utet, pp. 51-69
PUPPO F., "La forma retorica del contraddittorio" in M. MANZIN, F. PUPPO (eds) "Audiatur et altera pars. Il contraddittorio fra principio e regola", Giuffrè pp. 23-53
PUPPO F., "Alcuni riflessioni sui limiti della c.d. giustizia automatica" in P. MORO (ed), Etica Informatica Diritto, FrancoAngeli pp. 152-192
2007
MANZIN M., "La questione retorica alle origini dell'umanesimo giuridico". In: Retorica, processo, verità. Cavalla F. (ed.), Franco Angeli p. 85, 100
MANZIN M., "Justice, argumentation and truth in legal reasoning". In: Proceedings of the 22nd IVR World Congress Granada 2005, vol. 5: Logic, argumentation and interpretation = Lógica, argumentación e interpretación, Aguiló-regla J (ed), Stuttgart:Steiner, 2007. Archiv für Rechts- und Sozialphilosophie. Beihefte, Neue Folge, Vol. 110, p. 33-39
MANZIN M., "Libertà e liberazione: due paradigmi a confronto". In: Differenza culturale e minoranze nello spazio pubblico europeo. Maniaci G., Pino G., Schiavello A. (eds), Palermo: Duepunti p. 135, 147
PATTERSON D., Twining's Complaint, 15 University of Miami International & Comparative Law Review 61 - 67 (2007)
PATTERSON D., Moral Evaluation and Conceptual Analysis in Jurisprudential Methodology (with J. Oberdiek), in Law and Philosophy, M. Freeman and R. Harrison ed., Oxford University Press (2007 UK; 2008 USA)
FERRARI G., "Tra la verità e la menzogna". in G. Ferrari (ed) Verità e menzogna. Giappichelli
SOMMAGGIO P., Il metodo retorico classico, in F. Cavalla (ed), Retorica, processo, verità, Franco Angeli pp. 101-132.
MORO P., Figure retoriche e scrittura forense, in F. Cavalla (ed), Retorica, processo, verità., FrancoAngeli pp. 159-183.
PUPPO F., "The Problem of Truth in Judicial Argumentation", in J. AGUILO-REGLA (Ed.), "Logic, Argumentation and Interpretation / Lógica, Argumentación e Interpretación. Proceedings of the 22nd IVR World Congress Granada 2005. Volume V", Archiv für Rechts- und Sozialphilosophie nr. 110, Franz Steiner Verlag, Stuttgart, 2007, pp. 40-47
SOMMAGGIO P., La centralità del contraddittorio nell'esperienza giuridica: prime riflessioni per una teoria radicale, in «Diritto e questioni pubbliche», (2007), n. 7
CURATELE
2008
MANZIN M., PUPPO F. (eds) "Audiatur et altera pars. Il contraddittorio fra principio e regola" Giuffrè
MORO P. (ed), Scrittura forense Utet
A. PONTALTI (ed), Pareri di diritto penale. Prova scritta esame di avvocato, Giuffrè
MORO P. (ed), Etica, informatica, diritto, FrancoAngeli
SOMMAGGIO P., CASSATELLA A., PONTALTI A. (eds), Atti giudiziari di diritto civile, penale, amministrativo, Giuffré
2007
G. FERRARI (ed) Verità e menzogna, Giappichelli
A. PONTALTI (ed), Pareri di diritto penale, Giuffrè
SOMMAGGIO P., CAVALLA G., CASSATELLA A. (eds), Atti giudiziari di diritto civile, penale, amministrativo, Giuffré
ALTRE PUBBLICAZIONI
2008
SOMMAGGIO P., Parere in materia di diritto civile, in: Moro P. (ed), Scrittura forense, UTET p. 133-137
SOMMAGGIO P., Parere in materia di diritto civile, in: Moro P. (ed), Scrittura forense, UTET p. 137-141
SOMMAGGIO P., Parere in materia di diritto civile, in: Moro P. (ed), Scrittura forense, UTET p. 142-147
PUPPO F., "Parere motivato di diritto penale", in P. MORO (ed), Scrittura forense, Utet pp. 147-154
PUPPO F., "Casi in materia di diritto penale. Atto di appello", in P. MORO (ed), Scrittura forense, Torino pp. 184-187
2007
MORO P., Etica e retorica forense, in Iustitia, 2007, 1, pp. 29-40.

 

Prodotti della Ricerca eseguita

 1. Database online: Catalogo Massimato della Giurisprudenza dei Giudici di Pace della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige (http://www.giurisprudenzadipace.taa.it/ricerca.php): il CERMEG è co-titolare del Copyright.

2. Collana editoriale "Metodologia Forense" presso UTET-Giuridica, Torino (fond. 2008).

3. Modulo autonomo di didattica della metodologia giuridica per scuole professionali forensi (know-how completo: struttura, organizzazione, esecuzione, servizi)

 

Dati complessivi relativi al programma

 

  (numero) 
partecipazioni a convegni pertinenti:   
in Italia  80 
all'estero 
articoli pertinenti pubblicati:   
su riviste italiane con referee   
su riviste straniere con referee 
su altre riviste italiane 
su altre riviste straniere 
comunicazioni a convegni/congressi internazionali pertinenti 
comunicazioni a convegni/congressi nazionali pertinenti  65 
rapporti interni 
brevetti depositati   

 

Questo articolo è stato creato il Venerdì 27 Marzo 2009 alle ore 1:16 pm ed è archiviato nella categoria Ricerca. Attraverso Feed RSS 2.0 è possibile monitorare questo articolo. Both comments and pings are currently closed.